Quanto è importante il prezzo nella scelta di un baby monitor? Info e consigli per la scelta

Eccoci alle prese con nostro figlio! Essere genitori è senz’altro una cosa splendida, ma come tutte le nuove esperienze è anche fonte di preoccupazioni. Cerchiamo di fare il meglio per lui, ma sappiamo che non sarà possibile essergli accanto 24 ore su 24. Così abbiamo pensato di acquistare un baby monitor, ma ci siamo posti la questione dell’importanza del prezzo.

Importanza del prezzo: un acquisto utile?

Nelle famiglie estese la sorveglianza dei piccoli era sempre possibile di persona, grazie alla compresenza di più generazioni. Oggi, invece, nelle famiglie mononucleari, a volte monoparentali, un baby monitor può consentirci di occuparci delle faccende di casa o di lavorare al pc e contemporaneamente avere sott’occhio il bebè.

Importanza del prezzo: orientarsi è difficile

In commercio ci sono molti tipi di baby monitor, ed i prezzi variano altrettanto: si va da poche decine di euro ad alcune centinaia. Orientarsi sul mercato può essere difficile. Un prezzo è un numero, ma per ogni persona può assumere significati diversi.

Importanza del prezzo: da cosa dipende?

Ci sono persone che per una cena con il partner pagano centinaia di euro in un ristorante esclusivo, altre che preferiscono una pizza surgelata nel confort della propria casa. La percezione del prezzo dipende da molti fattori; sicuramente dalla cifra in sé e dal budget disponibile, ma anche da “cosa mi aspetto di buono” per quella cifra. Se in linea di massima siamo disposti a spendere per la sicurezza dei nostri figli, è bene comunque capire perché i vari baby monitor si differenziano tra loro.

Importanza del prezzo: le funzioni

I baby monitor possono avere funzioni più o meno numerose; alcune sono essenziali, altre possono non esserlo. Teniamo presente che questo strumento non ci serve solo con il neonato, ma ci può accompagnare lungo i primi anni di vita di nostro figlio. Potrebbe esserci utile anche un domani, se in famiglia ci sarà da sorvegliare un parente anziano che inizia a “perdere colpi”.

Importanza del prezzo: l’audio

L’audio è la prima funzione del baby monitor. Se è ad una via trasmette solo dal bambino verso i genitori, che quindi possono sentirlo se piange. La modalità più avanzata è a due vie: trasmette anche dai genitori verso il bambino. In questo modo, è possibile parlare al nostro piccolo, rassicurarlo se non possiamo subito correre da lui. Quando è più grandicello, possiamo “chiacchierare” con lui a distanza. Inoltre, quanto maggiore è il numero di canali offerti dal singolo modello, tanto più facile diventa scegliere quello che di volta in volta offre la comunicazione più chiara.

Importanza del prezzo: il video

I modelli migliori garantiscono immagini molto nitide, a colori, ed un display ampio. E’ importante che integrino gli infrarossi, per poter vedere il bimbo anche di notte. Nei modelli più avanzati, la videocamera può ruotare per seguire i movimenti del bambino. Questa funzione potrebbe essere particolarmente importante quando nostro figlio sarà più grandicello: se lo lasceremo a giocare nel box o a gattonare su un tappeto potremo seguire tutti i suoi movimenti.

Importanza del prezzo: il microclima

Alcuni baby monitor hanno sensori per monitorare temperatura e umidità della camera, e fanno scattare un allarme qualora si discostino dai valori prefissati. Questa è una funzione utile se dobbiamo sorvegliare un bimbo nei primi mesi, oppure una persona anziana un po’ disorientata o allettata. Infatti in questi casi l’equilibrio dei parametri vitali è fragile e queste persone si disidratano facilmente. La stessa funzione potrebbe essere meno importante nel caso di bimbi già grandicelli.

Importanza del prezzo: altre funzioni

E’ possibile avere sull’unità bambino la presenza di una luce notturna di compagnia. Altri modelli consentono la proiezione di piccole luci o la trasmissione di ninne nanne per distrarre il bimbo se piange. Queste opzioni sono utili con i piccolissimi, ma diventano superflue con bimbi più grandi. Possono essere addirittura nocive con un anziano disorientato: anziché calmarlo ne aumentano l’agitazione.

Importanza del prezzo: la copertura

Rappresenta la distanza nella quale possiamo utilizzare il baby monitor. Di solito è maggiore nei modelli con il video; va da alcune centinaia di metri in esterno e si riduce in casa a poche decine di metri. Il problema non si pone con i baby monitor smart, che tramite wifi si collegano al nostro smartphone. Lo smartphone diventa così l’unità genitore e possiamo controllare il nostro bimbo ovunque siamo. E’ fondamentale se lo affidiamo, p. es, ad una baby sitter e rientriamo al lavoro.

Importanza del prezzo: conclusioni

Il prezzo di questi strumenti sale all’aumentare delle funzioni che offrono. Un prezzo più alto non è quindi automaticamente sinonimo di maggior qualità ma di maggior numero di funzioni presenti. Sta poi a noi scegliere ciò che meglio risponde alle nostre necessità.

Un maggiore o minore prezzo indica un maggiore o minore numero di funzioni presenti e non necessariamente una differenza di qualità

Laura Daveggia è nata nel 1962 a Venezia, città in cui vive. Amante di musica classica, lettura e scrittura, ha pubblicato diversi articoli, sia online che cartacei, e due libri. Per breve periodo ha collaborato con Metropolitan Magazine e Fidelity House. Attualmente collabora con il blog “The Web Coffee” e con la rivista “Profilo Salute”.

Back to top
menu
Migliore Baby Monitor